DOTT. HUGO GASPERI

Biologo Forense e Legale Bolzano

Condividi su: Facebook Twitter

IL BIOLOGO FORENSE E L’ATTIVITÀ DI INVESTIGAZIONE SCIENTIFICA AI SENSI DELLA LEGGE 397/2000

La Legge 397/2000 ha rivoluzionato l’impianto del sistema processuale penale, trasformando l’intero impianto del processo in un sistema di tipo accusatorio, ove il PM, nel ruolo dell’accusa, e l’avvocato difensore sono in una condizione di parità, in cui entrambe le parti possono esprimere le proprie ragioni e queste verranno valutate da un giudice, inteso come persona terza ed estranea al processo, il quale assume i fatti così come presentati in contraddittorio e ne trae in maniera “super partes” le conclusioni. Tale parità abbraccia anche le attività della parte lesa.

Tale legge ha contorni innovativi anche perché permette le c.d. “indagini difensive”, ossia permette all’avvocato del difensore di potersi avvalere di un proprio team, composto di specialisti di diverse competenze, al fine di indagare sull’evento criminoso oggetto di processo. In più, gli atti del PM sono liberamente consultabili dall’avvocato della difesa, ciò garantisce il tempo e le condizioni necessarie affinchè sia costruita una corretta azione difensiva da parte del soggetto indagato. In tale contesto, vista la ribalta e la centralità a livello processuale che assume il DNA, nel team difensivo sempre più correntemente sono presenti biologi forensi, i quali espletano il proprio ruolo professionale andando a valutare quanto riportato negli atti del PM (se si tratta della valutazione di un risultato genetico dalla natura irripetibile); sono inoltre oggetto della valutazione del biologo forense con specifica formazione nel settore di criminalistica tutti quei passaggi e accertamenti tecnico-scientifici effettuati sulla scena criminis dall’autorità giudiziaria. Infatti questo è un concetto che mi preme sottolineare: il risultato degli esami del DNA non è che l’ultimo dei prevenuti in ordine cronologico, infatti i lavori di natura tecnico-scientifica iniziano proprio dal lavoro sulla scena criminis, dalla fase dell’iniziale sopralluogo, alla fase di repertamento, alle frequenti fasi di successivi sopralluoghi, sino alle fasi di catena di custodia del reperto da esaminare.

Solo dopo che tutti questi eventi sono avvenuti, la cui complessità sembra irrilevante (ma assicuro che non è così), il materiale biologico giunge nei laboratori ( i quali anche loro devono avere un’opportuna certificazione ISO, altrimenti i risultati che emetteranno non saranno a fini forensi validi!) e solo ora si compie l’esame di tipo genetico! L’Ordine Nazionale de Biologi sta promuovendo, per la categoria dei biologi forensi, la divulgazione e l’interazione con giuristi e magistrati, in quanto è strettamente necessaria ed è nell’interesse dei cittadini tutti, e del corretto corso della Giustizia, che i processi aventi per oggetto prove di natura scientifica vengano trattati e sottoposti all’esame di professionisti specifici, opportunamente formati e qualificati, che sono di supporto sia ai team difensivi, sia ai magistrati, dato che spesse volte siamo chiamati a rivestire il ruolo dei periti. La scienza offre oggi,e continuerà incessantemente ad innovare tecniche e metodologie che sono volte alla “tutela” della prova scientifica, in quanto questa deve essere un elemento di natura oggettiva, dimostrabile in maniera inconfutabile in tutti i suoi passaggi. L’ambito illustrato si distanzia nettamente da quanto illustrato in fiction televisive , ma si pone come base necessaria per affrontare in modo corretto un ambito che prevede necessariamente la partecipazione di molteplici figure professionali per essere studiato e valutato in maniera adeguata.

Basti pensare che una singola scena del crimine, anche c.d. “semplice” con sé prevede sempre l’interazione delle figure professionali quali i criminologi, gli esperti in sopralluogo e repertamento, eventualmente gli esperti in balistica, sempre gli esperti in ricostruzione crimodinamica, i biologi forensi, i tossicologi forensi, i medici legali….e così via discorrendo. In tale ambito multidisciplinare è opportuno, ai fini del corso corretto della Giustizia e anche ai fini dell’esercitare in maniera adeguata le indagini difensive, che ogni professionista si concentri su ciò che unicamente compete la propria sfera professionale, senza mai sforare il campo. Sarà poi, in ultimo, determinante l’azione dell’avvocato penalista, vero è proprio dominus dell’indagine di parte, che dovrà mettere insieme il puzzle di dati oggettivamente ottenuti e dovrà operare in processo sulla base di questi.

Dr. Hugo Gasperi Psicologo e Biologo Forense e Legale Bolzano